UFO: le sonde telemetriche extraterrestri sorvegliano il pianeta Terra
Pubblicato il 30 Ottobre 2023
Pubblicato il 30 Ottobre 2023

La manifestazione degli oggetti volanti prosegue incessante nei cieli del pianeta Terra. A testimoniarlo sono le foto e i filmati che li ritraggono in volo da soli o in compagnia dei classici “dischi volanti”. A ricoprire il ruolo di mattatore abbiamo sempre il messicano Juanito Juan, ma non meno interessanti sono i video registrati in Inghilterra da un anonimo testimone e quelli ripresi in Sardegna dai coniugi Graziano Corrias e Rossella Piano, giusto per fare degli esempi. Come le altre volte l’articolo è stato realizzato in collaborazione con Sante Pagano, che si è rivelato un vero talento nel gestire i non certo facili software di analisi di immagini. Perciò, la seconda parte di questo lavoro presenterà le relazioni di Sante sulle analisi alle varie foto che saranno presentate in questo articolo. Ma andiamo in ordine cronologico e iniziamo con un ottimo filmato realizzato a giugno del 2022, che ritrae una classica sfera di apparenza metallica, ripresa mentre sorvolava i cieli di Brighton, in Inghilterra. Non abbiamo altre informazioni su questo video da cui è stato estratto un fotogramma in cui appare anche il particolare ingrandito della sfera. I movimenti erratici e gli stazionamenti continui, nonostante il forte vento, indicano che l’oggetto non è un palloncino gonfiato o altro oggetto di origine umana. Il video è stato girato in un sentiero per escursionisti.

Link al video

01 Sfera Brighton 06.22 big ingr web

Il documento a seguire è una foto che è stata inviata da una signora che il 13 agosto 2022 si trovava in vacanza in Sardegna. La testimone ha dichiarato di aver scattato una serie di foto al paesaggio all’ora del tramonto, e di non aver notato nulla di particolare al momento dello scatto. Solo rivedendo le foto si è resa conto che unicamente in una di queste era presente un oggetto sferico. Ha deciso di inviarcela e, dopo aver avuto i risultati delle analisi eseguite da Sante Pagano, è stata presa la decisione di pubblicarla in quanto i risultati sono stati soddisfacenti. Ingrandendo l’oggetto si distinguono abbastanza nitidamente i riflessi della luce sulla sua superficie. Si nota chiaramente che la parte sinistra riflette il colore rosato del tramonto, mentre la parte destra riflette il colore azzurro delle nubi. La zona scura triangolare ipoteticamente è il riflesso degli scogli sottostanti di cui la foto non permette di apprezzarne la forma non potendo avere una vista perpendicolare. Potrebbe anche trattarsi di una qualche parte strutturale della sfera, ma l’immagine non permette di averne una chiara interpretazione. In ogni caso, i riflessi della luce circostante sono un dettaglio che conferma la natura riflettente del materiale di cui è composto l’oggetto.

02 Composizione sfera Sardegna 13.08.23 web

Sopra vediamo a sinistra la foto originale e a destra l’ingrandimento.

Andiamo ora in Messico a Valle Hermoso, dove a fine luglio 2023, Juan Manuel Sánchez, ormai universalmente noto come Juanito Juan, ha realizzato una foto davvero eccezionale. Nello scatto si vedono nitidamente quattro sfere metalliche che accompagnano un UFO dalla forma assolutamente insolita, credo che mai nulla di simile sia stato fotografato nella storia dell’ufologia. Il disco, infatti, ha la forma di una ruota con i classici “raggi”. Le dimensioni dovrebbero essere abbastanza considerevoli, lo si deduce in base alla poca superficie illuminata dal sole rispetto al resto dello scafo che rimane completamente in ombra. Lo stesso Juanito Juan, nel post del 3 agosto 2023 in cui ha pubblicato l’immagine, scrive: “AMICI QUESTA FOTO È INCREDIBILE… L’HO SCATTATA LA SETTIMANA SCORSA MENTRE ANDAVO IN OSPEDALE PRIMA DI ESSERE ACCUDITO…
NON C’È PiÙ CIECO DI CHI NON VUOL VEDERE…”.

Nelle immagini a seguire, vediamo il post di Juanito e la foto con i particolari ingranditi di ogni singolo oggetto:

03.08.23 fsfere metallo e disco a ruota composiz web

Passiamo a la coppia sarda di Assemini, in provincia di Cagliari, che ci ha ormai abituato a ottimi filmati delle sfere di luce. Ha fatto il giro del mondo il filmato del 27 luglio 2022 in cui un aereo di linea passa, in fase di atterraggio all’aeroporto di Cagliari Elmas, vicinissimo a una di queste sfere. Un filmato che ha dimostrato oltre ogni dubbio che quanto ripreso da Graziano Corrias e dalla moglie Rossella Piano non sono palloni sonda, mongolfiere o altro di origine umana. Qui il link al video per chi non lo conoscesse.

L’11 agosto 2023 è stato un giorno fortunato per Graziano e Rossella, infatti hanno potuto realizzare ben due filmati di aerei di linea che passavano in prossimità di una sfera di luce. Anche stavolta i potenti moti di turbolenza generati dal passaggio ravvicinato del velivolo di linea non hanno influenzato minimamente il volo dell’oggetto volante sferico, a dimostrazione di una sua ben precisa autonomia di volo. A seguire dei fotogrammi estratti da ciascuno di questi due eccezionali filmati:

04 11.08.23 frame sfera e aereo 01 mod rit web

Dal confronto con le dimensioni del velivolo, si può capire che la sfera deve avere un diametro di almeno un paio di metri anche in considerazione del fatto che l’oggetto è ad una certa distanza all’aereo e che si trova dietro il velivolo in fase di atterraggio. Questo dettaglio è maggiormente apprezzabile nell’ingrandimento a seguire:

05 11.08.23 frame sfera e aereo 01 dettaglio big web

Al seguente link è possibile visionare il primo filmato.

Il secondo video è stato girato lo stesso giorno, successivamente a quello presentato sopra. Stavolta la rispettiva posizione tra sfera e aereo è differente; la possiamo vedere nel fotogramma a seguire:

06 11.08.2023 02 Frame aereo di linea e sfera di luce Assemini CA rit mod big web

Questo video è visionabile al seguente link.

Un altro eccezionale filmato è stato registrato da Graziano e Rossella il 22 agosto 2023. Stavolta la sfera volante di energia si trovava vicina al passaggio di una squadriglia di caccia militari. È evidente che la turbolenza generata dal gruppo di caccia sia ancora maggiore di quella di un singolo aereo di linea, seppure di dimensioni più grandi, eppure, si vede chiaramente che la sfera non ne viene minimamente influenzata. Riteniamo che i caccia potrebbero essere dei Tornado, anche se la definizione del filmato rende abbastanza ostica l’identificazione. Vediamo un fotogramma estratto dal filmato in questione:

07 22.08.23 sfera e caccia rit mod web

Il filmato lo si può vedere a questo link.
Realizzando un forte ingrandimento apprezziamo più chiaramente il rapporto tra le dimensioni del caccia militare e della sfera che appare essere di diametro maggiore degli scarichi del Jet:

08 22.08.23 sfera e caccia rit mod dettaglio big web

Nella foto a seguire vediamo due viste del caccia “Tornado” fotografato nella parte inferiore, la somiglianza con il Jet visibili nel filmato di Graziano Corrias è evidente:

09 Tornado aereo pancia

Richard Fox / iStockphoto.com – Karolis Kavolelis / Shutterstock.com

Il 29 agosto 2023 Juanito Juan ha realizzato tre foto di grande importanza. È la prima volta infatti che si riesce ad avere una copia direttamente dagli scatti originali, quindi con tutti i metadati presenti. Fatto che permette un’accuratezza ed un’affidabilità delle analisi nettamente superiore a quelle realizzabili su copie scaricate dai social. Gli scatti sono eccezionali anche per qualità e nitidezza. Andiamo a vederli uno per uno. La prima foto mostra un panorama di campagna e, alti nel cielo, tre oggetti: due sfere e un classico oggetto discoidale. Nello zoom realizzato all’interno della stessa foto, si possono notare meglio i tre oggetti anomali:

10 P1000288 01 rid zoom web

A seguire un ingrandimento dei tre oggetti in cui la loro natura anomala appare ancor più evidente:

11 29.08.23 JJuan partic orig 1920 mod 01 big 1080 contr web
12 Dettagli disco foto 01 29.08.23 big rit web

Nell’ingrandimento visibile sopra, possiamo apprezzare qualche altro dettaglio dell’oggetto discoidale, anche se i particolari non sono abbastanza nitidi. Non è facilmente comprensibile se il particolare che si vede nella sua parte inferiore centrale sia una cupola o una rientranza.
Il secondo scatto di questa serie mostra gli oggetti in posizione differente dal precedente e non appaiono gli elementi del panorama di campagna visibili nella prima foto. Questo lascia intendere un avvicinamento degli oggetti verso il testimone che scatta con una posizione più verticale rispetto al primo scatto. Gli oggetti sono posizionati nella parte centrale in basso dell’immagine nella quale è apparsa una terza sfera. Nell’ingrandimento si vede chiaramente la cupola dell’oggetto discoidale.

13 P1000289 02 rid 1920 zoom web

A seguire un ulteriore ingrandimento che ci permette una valutazione ancora più chiara sulla natura anomala degli oggetti fotografati da Juanito Juan, vediamo bene il disco e le tre sfere:

14 29.08.23 JJuan partic 1920 mod 02 web

Nell’ingrandimento visibile sopra appare chiaro che le dimensioni del disco sono abbastanza ridotte, lo si vede dalla comparazione tra le sue dimensioni e quelle delle sfere alla sua sinistra che appaiono avere una grandezza maggiore della cupola dell’oggetto discoidale. Tale valutazione è confermata dal fatto che il disco appare interamente avvolto dalla luce solare anche nelle zone non direttamente interessate e la parte destra, dove si trova il punto colpito dai raggi del sole, non è netto ma diffuso così come lo sono le zone d’ombra. Avevamo visto precedentemente nel disco a forma di ruota, com’era netta la separazione tra la zona illuminata e quella in ombra.

Tali dettagli sono maggiormente valutabili nell’ingrandimento a seguire. Questi ingrandimenti sono possibili grazie all’alta qualità posseduta dalle foto originali.

15 29.08.23 JJuan partic 1920 mod 02 rit2 1920 web

Andiamo a vedere l’ultima foto di questa eccezionale serie scattata a Valle Hermoso il 29 agosto 2023:

16 P1000290 03 rid 1920 zoom web

Ormai gli oggetti sono arrivati sulla perpendicolare del testimone; una delle sfere è scomparsa e il piccolo disco mostra la sua parte sottostante che appare abbastanza chiara anche qui, a riprova delle sue limitate dimensioni. Si nota chiaramente che sul fondo dell’oggetto, quello che sembrava essere un foro è in realtà una protuberanza semisferica le zone scure sul bordo sono anche abbastanza evidenti. Nell’ingrandimento a seguire notiamo con più chiarezza tutti questi dettagli.

17 29.08.23 JJuan partic 1920 mod 03 big rit web

Infine, come per le precedenti foto, proponiamo un ingrandimento del solo oggetto discoidale:

18 P1000290 03 partic disco big web

Con quest’ultima immagine chiudiamo questa rassegna di avvistamenti che dimostra la costante ed intensa attività dell’aviazione extraterrestre nei cieli della Terra. Di pari passo prosegue la guerra e la violenza nel nostro martoriato mondo e il maldestro tentativo da parte del Pentagono, di far passare questa straordinaria realtà come una minaccia per il genere umano. Possiamo anche dire che sì, sono una minaccia questi esseri evolutissimi provenienti dagli spazi siderali, ma lo sono solo per i guerrafondai, i violenti, i corrotti, gli assassini e i criminali che infestano questo meraviglioso pianeta. Per loro sono una vera e propria nemesi, una presenza che nei tempi decisi dai Maestri Cosmici eliminerà per sempre la loro fetida presenza da questo mondo. Il tempo sta scadendo e sentono il celeste fiato sul collo. Sicuramente vomiteranno ancora odio e morte ma non scamperanno al tristissimo destino che li attende. A noi che li amiamo e li attendiamo con ansia, il compito di tenere salde le mani sull’aratro e lavorare per il risveglio di chi, ancora, attende una parola di speranza. A seguire le esaustive analisi di Sante Pagano su alcune delle foto presentate in questo articolo.

Pier Giorgio Caria

30 ottobre 2023

LE ANALISI DI SANTE PAGANO

Analisi sfera

Sardegna 13.08.2022

La prima immagine che andiamo ad analizzare è stata ricevuta direttamente da Pier Giorgio Caria. Questa foto è stata realizzata in Sardegna il 13 Agosto 2022.
Secondo le nostre analisi, la foto è risultata essere genuina e l’oggetto non è identificabile con nulla di convenzionale.

analisi sante pagano

Il documento in questione contiene tutti i metadati, tranne quelli relativi alla geolocalizzazione, poiché non autorizzati dal proprietario del dispositivo. Questi riportano che la foto è stata scattata il 13 agosto 2022 alle ore 21:09 con un “iPhone 12”, tramite la DOPPIA FOTOCAMERA POSTERIORE DEL DISPOSITIVO.

analisi sante pagano1

L’autrice riferisce che il documento fa parte di una SEQUENZA MULTIPLA DI SCATTI FOTOGRAFICI e che solo in uno di questi è presente l’oggetto in questione. Detto questo quindi, possiamo escludere che si possa trattare di un volatile, per via della forma dell’oggetto, e per via del fatto che questo avrebbe mostrato segni evidenti di movimento. Inoltre, molto probabilmente, sarebbe apparso anche in almeno un altro scatto.
Possiamo escludere anche che si possa trattare di un moscerino, poiché l’oggetto dimostra di trovarsi all’incirca alla STESSA DISTANZA che intercorre tra la fotocamera e GLI SCOGLI VISIBILI NELLA FOTO E QUINDI, DI AVERE DIMENSIONI ABBASTANZA SUPERIORI AD UN QUALSIASI INSETTO.
Questo lo si è rilevato anche e soprattutto tramite l’analisi dei BORDI, i quali risultano essere ugualmente netti e spessi rispetto alle rocce.

analisi sante pagano2

La stessa valutazione viene confermata anche dalla QUANTITÀ DI LUCE ASSORBITA E RIFLESSA, la quale dovrebbe cambiare a seconda della distanza dell’oggetto dalla luce.
La sfera e le rocce dimostrano di riflettere la stessa quantità di luce solare, mentre l’oggetto sferoidale in primo piano ed in basso a sinistra ne riflette una quantità molto inferiore.

analisi sante pagano3

L’oggetto non identificato inoltre, seppure appare essere di colore scuro, è molto probabilmente costituito di MATERIALE RIFLETTENTE, tanto che possiamo vedere un RIFLESSO sulla sua superficie che potrebbe riferirsi proprio agli scogli sottostanti.

L’oggetto in aggiunta, dimostra di essere realmente inserito nel contesto ambientale, poiché interagisce con la luce del sole, ormai tramontato, in maniera identica a tutti gli altri punti di riferimento.
ASSORBE E RIFLETTE inoltre, anche la stessa QUALITÀ E QUANTITÀ DI LUCE, si vede infatti, sulla parte sinistra il colore rosato del cielo al tramonto mentre la parte destra presenta un colore tra il verde e l’azzurro.

analisi sante pagano5

Infine, l’ESAME ELA. Questo esclude differenze di livello di compressione tra i vari oggetti presenti nello scatto fotografico, confermando nuovamente la veridicità del documento.
Per raggiungere tale conclusione abbiamo eseguito 3 DIFFERENTI TEST ELA.

analisi sante pagano6

1. Sull’originale
É ben evidenziabile che non è presente alcuna differenza di compressione.
2. Sull’originale a cui è stato aggiunto un oggetto discoidale creato in CGI (indicato con una freccia)
Qui la differenza di compressione è molto ben visibile, infatti l’oggetto in CGI appare di un bianco molto acceso.
3. Sull’originale a cui è stato aggiunto un oggetto discoidale creato in CGI, ma con un livello di compressione simile al resto dell’immagine (indicato con una freccia).
Qui la differenza di compressione, seppure ad un occhio poco esperto risulti non così evidente, in realtà anche se minima è presente. Ma ci sono altri elementi che comunque possiamo rilevare, che provano il fatto che l’immagine è passata attraverso un programma di editing. Possiamo infatti notare la presenza di alcune tracce lasciate durante tale passaggio. Vengono definite “tracce arcobaleno”, e si tratta di particolari macchie rosse e blu (alcune sono state cerchiate in verde) presenti in alcune zone del documento.

Schiarendo l’immagine, questi dettagli risultano maggiormente evidenti:

analisi sante pagano7

Analisi UFO ruota con sfere
Juanito Juan, MESSICO 7.2023

La seguente foto è stata scattata da Juanito Juan a fine luglio 2023. Purtroppo non siamo riusciti a recuperare la versione originale, quindi non abbiamo a disposizione i metadati della foto, ma eseguendo alcune analisi specifiche siamo riusciti ad ottenere una conclusione abbastanza attendibile.
Iniziamo con il dire che la foto è davvero unica nel suo genere. In effetti, mai si era visto un oggetto con questa morfologia strutturale.
Trattasi infatti di un OGGETTO DISCOIDALE con un foro al centro e formato internamente da dieci raggi intagliati.

analisi sante pagano8

Abbiamo ricreato l’oggetto tramite computer grafica per apprezzarne meglio i dettagli.
Ovviamente abbiamo dovuto usare un po’ d’immaginazione in alcuni punti della struttura, visto che il disco è quasi del tutto in ombra e non permette una valutazione ottimale della sua morfologia. Ecco la riproduzione eseguita grazie alla collaborazione dell’amico Ramon Corrado.

analisi sante pagano9a

analisi sante pagano9

L’oggetto è accompagnato da quattro sfere e tutti sembrano essere di materiale metallico.
I cinque oggetti riflettono la luce del sole e dimostrano di essere di discrete dimensioni dato che il riflesso è molto piccolo rispetto alla zona in ombra, dettaglio maggiormente accentuato nell’oggetto discoidale che è chiaramente più grande rispetto alle quattro sfere.
Una delle sfere inoltre, ha un riflesso di colore diverso dalle altre, tendente al color rosa, dovuto probabilmente ad una particolare caratteristica strutturale del materiale di cui è fatta.

Come dicevamo, non abbiamo a disposizione i metadati della foto ma, ad una prima analisi, eseguita tramite un test ELA, non sono state riscontrate manipolazioni digitali apportate alla foto.

L’immagine purtroppo è di qualità piuttosto bassa: JPEG all’81%.

Tuttavia, solo perché è di bassa qualità non significa che non si possa rilevare la presenza o meno di una qualche modifica apportata. L’analisi del livello di errore (ELA) dovrebbe avere tutti gli oggetti all’incirca della stessa colorazione.
Se qualcosa risulta bianco brillante, significa che è stata l’ultima cosa modificata, poiché si trova a un livello di errore potenziale più elevato rispetto al resto dell’immagine.
Nulla di tutto ciò è stato rilevato nel test, come è possibile vedere nelle tre immagini qui sotto.

analisi sante pagano10

1. Normale test ELA.
2. Test ELA con immagine variata in contrasto, luminosità e correzione gamma per esaltare alcuni dettagli.
3. Test ELA ad alto parametro di errore per rilevare ed evidenziare altri tipi di dettagli.

Anche l’analisi dei pixel conferma che gli oggetti erano realmente presenti nell’ambiente al momento dello scatto, infatti risultano essere coerenti con ciò che lI circonda. Inoltre, non si rilevano bordature troppo nette e contrastanti, e non si evidenziano artefatti dovuti a compressione d’immagine.

analisi sante pagano11

Il test dei cloni non ha rilevato significative similitudini tra le sfere. Quindi è molto difficile che gli oggetti siano stati creati in CGI.

analisi sante pagano12

Tale ipotesi è confermata anche dalla conformazione dei pixel che compongono le sfere.
Ogni sfera ha infatti una pixellatura del tutto differente dalle altre. Dato ciò quindi, possiamo escludere che anche il disco sia stato riprodotto tramite computer grafica, visto che le caratteristiche che lo compongono sono similari a quelle delle sfere.

analisi sante pagano13

Ottima anche la coerenza della risposta degli oggetti alla luce assorbita e riflessa. Lo vediamo grazie al test spettro cromatico, seppur l’assenza di punti di riferimento non permetta purtroppo una valutazione completa ed esaustiva. Il risultato è maggiormente evidenziabile se inseriamo il disco creato tramite CGI (indicato con una freccia) all’immagine originale. Le sfere e il disco originale, al contrario dell’oggetto in CGI, assumono, soprattutto sui bordi, le stesse colorazioni dell’ambiente nelle immediate vicinanze.

analisi sante pagano14

È possibile notare però, anche qui, che l’oggetto è realmente inserito nel contesto poiché interagisce con l’ambiente rilasciando informazioni attorno al suo corpo. In effetti, un oggetto inserito manualmente in un’immagine non avrebbe questo tipo di pixellature, le quali sono caratteristiche di un corpo che interagisce realmente con l’ambiente a sé circostante.

analisi sante pagano15

In ultimo, l’analisi del gradiente di luminanza. Tale strumento analizza i cambiamenti di luminosità lungo gli assi x e y dell’immagine. L’uso classico è quello di osservare come vengono illuminate le diverse parti dell’immagine per trovare anomalie. Le parti dell’immagine che si trovano ad un angolo simile (rispetto alla sorgente luminosa) e sotto la stessa illuminazione, dovrebbero avere un colore simile. Un altro parametro è il controllo dei bordi. Bordi simili dovrebbero avere gradienti simili.

Se le sfumature su un bordo sono significativamente più nitide rispetto al resto, è segno che l’immagine potrebbe essere stata copiata e incollata. Tale analisi aiuta a rilevare abbastanza bene anche il “rumore” dell’immagine e gli artefatti di compressione. In tali analisi non sono riscontrate delle anomalie.

I colori mostrati, in base all’illuminazione alla quale sono esposti gli oggetti, sono del tutto simili. I bordi hanno lo stesso grado di sfumatura. Inoltre non è stato rinvenuto alcun artefatto di compressione.

analisi sante pagano16

Anche l’analisi della componente principale non ha evidenziato la presenza di artefatti di compressione. Ecco l’analisi eseguita sull’oggetto in originale accostata all’analisi applicata su un oggetto creato digitalmente, così da poter osservare una delle modalità attraverso la quale potrebbero presentarsi degli artefatti di compressione.
A sinistra l’analisi sul disco, al centro quella eseguita sulla sfera, e a destra l’analisi sull’oggetto in CGI con indicati gli artefatti dalle frecce.

analisi sante pagano17

Purtroppo, vista l’assenza di punti di riferimento, la scarsa qualità d’immagine e la poca illuminazione degli oggetti, non è stato possibile eseguire ulteriori analisi, ma da quanto analizzato possiamo tranquillamente concludere di non aver trovato alcuna traccia di manipolazione.

Analisi oggetto discoidale con sfere
Juanito Juan, MESSICO 29.8.2023

Era l’agosto del 2022, quando Pier Giorgio Caria iniziò ad interessarsi del caso di Juanito Juan ed è da allora che abbiamo iniziato a studiarlo. Nulla finora ci ha fornito prove a sfavore della genuinità di tale caso, seppur non eravamo riusciti ad ottenere la documentazione originale e ci siamo sempre dovuti affidare a materiale recuperato dai canali social di Juanito, Facebook in primis.

Venire in possesso di materiale scaricato direttamente dal dispositivo di cattura infatti, significa poter avere accesso a tutta una serie di dati che aiutano a certificare l’assoluta genuinità di un certo materiale video o fotografico. Stiamo parlando dei cosiddetti metadati.

Ecco invece che oggi vi presentiamo tre foto davvero molto interessanti, ritraenti degli UFO, proprio perché contenenti queste preziosissime informazioni, le quali ci hanno aiutato a raggiungere un verdetto più affidabile sul caso di contatto di Juanito Juan. Ebbene, anche questo processo di analisi, che vi andremo ora a presentare, ha giocato a favore della genuinità di tale importantissima storia di contatto tra un essere umano e civiltà non di questa terra.

ANALISI DEI METADATI

analisi sante pagano18

Le tre foto in questione, da quanto ha affermato Juanito Juan in un post pubblicato il giorno seguente l’accaduto, sarebbero state realizzate il 29 agosto 2023. Queste ritraggono un oggetto discoidale seguito da alcune sfere. Tutti gli oggetti sono costituiti da materiale apparentemente metallico.

Analizzando i metadati delle tre foto risulta confermato che gli scatti risalgono alla mattina del 29 agosto 2023, sono stati eseguiti esattamente tra le 12:48 e le 12:52, con una fotocamera “Panasonic DMC-LX10”. Questa è una macchina fotografica che Juanito Juan aveva già iniziato ad utilizzare per altri scatti fotografici e che, come ha raccontato in un apposito video, gli era stata donata da Jaime Maussan verso la fine di giugno dello stesso anno.

Dal video è infatti possibile vedere Juanito Juan mentre utilizza e presenta proprio la videocamera in questione. Da una ricerca su internet si è concluso che il modello è effettivamente quello citato:

analisi sante pagano19

A continuazione la dicitura rinvenuta tra i metadati o EXIF delle foto di Juanito Juan del 29/8/2023:

analisi sante pagano20

Le foto di cui stiamo parlando, come dicevamo, sono in totale 3 e ritraggono un oggetto discoidale circondato da alcune sfere:

analisi sante pagano22analisi sante pagano23
analisi sante pagano24

Le foto ovviamente sono state scattate in tre diversi istanti temporali e seguono una sequenza cronologica coerente alla denominazione dei file ricevuti, la quale oltretutto, è conforme alla denominazione che le fotocamere “Panasonic” attribuiscono in automatico agli scatti eseguiti.

• Lo scatto P1000288 (1) è stato eseguito alle ore 12:48:26.
• Lo scatto P1000289 (2) è stato eseguito alle ore 12:49:59.
• Lo scatto P1000290 (3) è stato eseguito alle ore 12:52:45.

analisi sante pagano25

Inoltre, non è stato trovato nessun metadato che rilevi il passaggio delle foto attraverso un qualsiasi programma di editing come Photoshop. In conclusione quindi, l’analisi dei metadati ci conferma la genuinità degli scatti fotografici.

COSA SONO I METADATI?

I metadati forniscono informazioni relative al modo in cui il file è stato generato e gestito.

Queste informazioni possono essere utilizzate per identificare se i documenti video o fotografici provengono direttamente da una fotocamera digitale, se sono stati elaborati da un programma di editing o alterati per trasmettere informazioni fuorvianti. I dati principali da cercare quindi, sono marca e modello della fotocamera, eventuali software utilizzati, dimensioni dell’immagine, data e ora dello scatto, e geolocalizzazione se autorizzata dal proprietario del dispositivo.

Perciò i metadati sono importantissimi per riuscire ad identificare come un’immagine è stata generata, elaborata e salvata l’ultima volta. Eppure, potrebbe accadere che questi vengano alterati intenzionalmente nel tentativo di ingannare.

Fortunatamente, gli inganni intenzionali sono molto rari. Tuttavia la modifica dei metadati richiede strumenti altamente specializzati e competenze tecniche davvero importanti e gli utenti tipici non hanno tali requisiti. Sta di fatto che le applicazioni che alterano i metadati in genere alterano anche l’immagine tramite un nuovo salvataggio o una ricodifica, e questo può essere facilmente rilevabile, anche se i metadati sembrano accurati.

CONSIDERAZIONI PRELIMINARI E MISURAZIONI

analisi sante pagano26

L’oggetto, come dicevamo, è apparentemente metallico, così come le sfere. Questo ha una forma discoidale ed una cupola sulla calotta superiore. Grazie ai punti di riferimento, quali gli alberi, le nuvole, il suolo, ma soprattutto l’auto parcheggiata ed utilizzando un apposito programma d’analisi, siamo stati capaci di stimarne il diametro, il quale si aggira sui 1,5 metri.

Anche l’analisi dei bordi ha confermato che gli oggetti sono di discrete dimensioni. Quindi non è possibile si tratti di semplici modellini lanciati in aria e poi fotografati.

I bordi in effetti, risultano essere spessi e molto ben definiti, e risultano essere molto simili a quelli della chioma degli alberi sottostanti. Quindi la circonferenza delle chiome e degli oggetti misurano all’incirca le stesse dimensioni.

analisi sante pagano27

Nell’immagine che segue, grazie ad un esempio pratico che ho ricreato appositamente, possiamo vedere come si comportano i bordi in oggetti di diverse dimensioni. Abbiamo un aereo (Oggetto 1), lo stesso aereo che è stato ridotto in dimensioni (Oggetto 2) e l’astronave (Oggetto 3) ripresa dal primo scatto fotografico di Juanito Juan. Come è possibile vedere infatti, i bordi dell’Oggetto 1 risultano essere molto meno sottili e generalmente più marcati rispetto a quelli dell’Oggetto 2, e questo si rende ancora più evidente quando l’aereo viene rimpicciolito (Oggetto 3).

Ovviamente tale valutazione può essere considerata attendibile solo se si hanno dei punti di riferimento noti o visibili a disposizione.

analisi sante pagano28

Siamo stati in grado inoltre, grazie al programma appena sopra citato, di stimare anche le quote raggiunte dagli oggetti. Come è possibile vedere nell’immagine qui sotto, gli oggetti inizialmente ad un’altezza molto bassa, circa 100 metri dal suolo, poi si abbassano ulteriormente raggiungendo approssimativamente i 95 metri, per rialzarsi ancora e raggiungere un’altezza di circa 360 metri. Le sfere invece, seguono il disco in tutti gli spostamenti. Queste dapprima sono due, poi diventano tre e successivamente si riducono nuovamente a due.

analisi sante pagano29

Ecco il movimento eseguito dagli oggetti in una RIPRODUZIONE GRAFICA che lo rappresenta.

analisi sante pagano30

Nelle immagini che seguono troverete delle riproduzioni degli oggetti tramite CGI (immagini generate al computer), prodotte grazie alla preziosa collaborazione con l’amico Ramon Corrado. Le abbiamo create per comprendere al meglio la morfologia degli oggetti e per avere un ulteriore riscontro dalle analisi grafiche.

analisi sante pagano31analisi sante pagano32analisi sante pagano33

ANALISI GRAFICHE

Partendo dall’esame ELA, questo non ha rilevato nessuna differenza tra i livelli di compressione contenuti nelle immagini, perciò è molto improbabile che queste siano state modificate in post-produzione.

Qui sotto il risultato del test applicato ad una delle tre immagini originali (a sinistra) ed accostato ad un test ELA applicato alla stessa immagine modificata in CGI (a destra).

analisi sante pagano34

È assolutamente evidente la grossa differenza di compressione che si avrebbe in una manipolazione digitale.
L’evidenza maggiore è rappresentata dal bianco acceso degli alberi e dal forte colore violaceo assunto dagli oggetti.

Anche l’esame dei cloni non evidenzia alcuna manipolazione grafica. Nell’immagine qui sotto è stato accostato il test sulla foto originale (a sinistra) al test sulla foto modificata tramite CGI (a destra). Com’è possibile vedere nell’immagine originale non vengono evidenziate rilevanti somiglianze tra le due sfere. Al contrario, nell’immagine modificata, il test identifica una completa somiglianza tra i due oggetti sferoidali.

analisi sante pagano35

Il verdetto di tale test dimostra che ogni sfera ha una sua univoca identità ed un proprio bagaglio informativo, proprio come ha confermato anche l’esame spettro-cromatico. In effetti, è possibile vedere che ogni sfera possiede un pacchetto di pixel differente dalle altre, e che ogni oggetto risponde diversamente alla luce assorbita e riflessa. Anche il disco dimostra di essere ben inserito nel contesto, poiché reagisce alla luce similmente alle sfere.

analisi sante pagano36

In effetti, con un oggetto creato in CGI, si avrebbe tutt’altro risultato.

Come si può notare nell’immagine di fianco, le pixellature che compongono gli oggetti sono praticamente identiche.
Ovviamente contengono qualche minima variazione nella tonalità dei colori dei pixel a dipendenza dalla distanza dal sole.

analisi sante pagano37

Il programma per CGI in effetti, quando crea più oggetti con le stesse caratteristiche morfologiche e strutturali, cerca semplicemente di riprodurre una diversa risposta alla luce a seconda della distanza dalla fonte luminosa, ma non fornisce pacchetti informativi personalizzati e quindi differenziati tra i vari oggetti. In pratica, è come se il programma utilizzi sempre lo stesso “stampino” ogni volta che gli viene richiesto di creare una sfera metallica, e lo si può dedurre, come già detto, anche dall’esame dei cloni sopra riportato.

I documenti, in conclusione, sia dalle analisi grafiche, ma soprattutto dai metadati, sono risultati essere genuini e non sottoposti ad alcuna manipolazione.

Ora abbiamo finalmente la prova definitiva e tangibile che il caso di Juanito Juan è assolutamente reale.

Sante Pagano

4 Novembre 2023

Qui trovi l’articolo originale

Seguici

Sostieni le nostre attività!

Potrebbe interessarti anche

UFO filmato a La Molina (Perù)

UFO filmato a La Molina (Perù)

Un singolare filmato realizzato in Perù dove si vede una formazione di sfere di luce ripresa da due testimoni da due diversi punti della città La...