Il paradosso di “Fermi” spiegato semplicemente
Pubblicato il 25 Ottobre 2023
Pubblicato il 25 Ottobre 2023

Appunti di un giovane studente:

Il paradosso di “Fermi” spiegato semplicemente.

Neil deGrasse Tyson: “Si potrebbe creare una civiltà su un pianeta, mandare delle astronavi, diciamo 2 astronavi, scoprire 2 pianeti, costruire risorse in situ e poi avere queste qui a scoprire altri 2 pianeti. Quindi questo si moltiplica ogni diciamo generazione. Si potrebbe popolare ogni pianeta nell’intera galassia su una scala temporale breve all’evoluzione, per esempio 100 milioni di anni.”

Sta dicendo che se questo è stato fatto, dovrebbero esserci alieni su ogni pianeta. Quindi dove sono? Io non li vedo. Questa è la domanda posta.

“Quindi dobbiamo chiederci, cosa sono le soluzioni al paradosso di “Fermi”? Forse gli alieni sono venuti, e hanno guardato la Terra ed hanno notato che non c’è segno di vita intelligente ed hanno continuato.

Un’altra possibilità è che, se tu hai il DNA per colonizzare, inizi a volere pianeti che sono già stati presi. Quindi una delle soluzioni al paradosso di “Fermi” è che ogni civiltà con la voglia di colonizzare così male, alla fine si distruggerà uccidendo se stessa cercando di colonizzare”.

Rubrica curata da Fercoli, di 13 anni

Articolo tradotto da: https://www.youtube.com/shorts/xWgE6geTASE

Immagine in evidenza: una scena di un viaggio interstellare a bordo di un’astronave tratto dalla serie fantascientifica “Stargate Universe” (2009)

Seguici

Sostieni le nostre attività!

Potrebbe interessarti anche