Il messaggio extraterrestre per l’umanità della Terra

Cronaca della conferenza di Marco Marsili
Libreria Salvemini – Firenze

La divulgazione della grande Verità del tempo di tutti i tempi è stata sempre il cuore della missione della tribù di Giovanni. Fin dai tempi di Atlantide i maestri cosmici si sono impegnati in prima persona per accompagnare questa umanità verso la redenzione e per renderla degna di appartenere ai popoli della Confederazione Interstellare. In ogni epoca storica sono apparsi personaggi dal nobile e altrettanto gravoso compito di effondere la luce della verità nel buio delle vite umane. Personaggi che, l’uno dopo l’altro, hanno rimesso in ordine gli innumerevoli tasselli facenti parte del mastodontico mosaico di Dio, il quale non conosce limiti né di tempo né di spazio.

Ognuno di noi non può che intravedere soltanto i singoli tasselli che compongono il grande mosaico, non può che cercare a stento di collegare quelli vicini, oppure quelli più simili, ma la nostra vista è troppo limitata per potersi rendere conto della portata dell’intero mosaico. Solo facendosi guidare dagli scienziati cosmici l’uomo può veramente realizzare quei poteri innati che possiede da sempre ed ampliare il suo campo visivo, così da riuscire a cogliere la vera essenza della gesta che compie in vita. Solo in questo modo il grande mosaico dell’esistenza gli apparirà vivido e limpido come non mai, risvegliando nell’uomo la sua reale identità eterna ed immortale.

Questi saggi portatori di verità, allora come oggi, è possibile incontrarli nei modi e nei posti più diversi. Chi nelle piazze, chi nelle istituzioni, chi nelle cerchie iniziatiche, chi nei bassifondi della società. Tutti con l’inconfondibile segno sulla fronte, per coloro che hanno occhi per vedere. A loro basta un’occhiata veloce per riconoscersi, perché fanno parte della stessa famiglia dei cieli. Loro è il compito di collegare con un filo dorato tutti i vari tasselli che formano il mosaico di Dio, in modo da farlo risplendere bene agli occhi degli iniziati e di coloro che si rendono disponibili.

Venerdì 31 marzo, presso la famosa “Libreria Salvemini” di Firenze, si è svolta la conferenza di Marco Marsili intitolata “Il messaggio extraterrestre per l’umanità della Terra”.
Firenze, città che dette i natali al poeta e iniziato a noi tanto caro, Dante Alighieri, ci accoglie nel migliore dei modi. Atmosfera unica, energia bellissima e tantissime persone accorse in trepidante attesa che Marco cominciasse a parlare.

“Se è vero, come è vero, che gli extraterrestri esistono – esordisce Marco – cambia tutta la nostra visione della vita. Dal momento che esiste qualcuno che viene da mondi lontanissimi e che ci visita con le proprie evolutissime astronavi, innanzitutto significa che ha potuto raggiungere un’evoluzione per noi inconcepibile e che magari porta con sé perfetta conoscenza sulla natura di Dio, sulla scienza medica, sul funzionamento della società e dell’istruzione, sull’approvvigionamento energetico, sull’approvvigionamento alimentare, sulle arti”.

“Quello che dobbiamo realizzare della visita extraterrestre è il loro messaggio. Questi esseri vogliono che ci si concentri sui loro importantissimi insegnamenti. Apprendere e mettere in pratica questi insegnamenti, infatti, significa cambiare la nostra vita e di conseguenza la società terrestre. Questa società è nefasta ed incarna un sistema luciferico in termini teologici.”

“Loro sondano con dei sincronizzatori tutta l’umanità e hanno visto che la situazione è disperata. Tutti noi dormiamo sonni tranquilli sopra migliaia di testate atomiche. Dagli anni ’40 ad oggi il popolo non ha fatto abbastanza per frenare l’escalation di questa sperimentazione e fabbricazione di armi nucleari.”

Marco ricorda poi come le sacre scritture profetizzino questi tempi in maniera molto precisa.

“Il maestro dei maestri, Gesù il Cristo, disse le seguenti parole: <Come avvenne al tempo di Noè, così sarà nei giorni del Figlio dell’uomo: mangiavano, bevevano, si ammogliavano e si maritavano, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca e venne il diluvio e li fece perire tutti>.”

Noi oggi stiamo facendo allo stesso modo, mentre Noè sta già entrando nell’Arca e sta avvertendo l’umanità come una voce che grida nel deserto. Accoglieremo in tempo il suo monito?

Marco prosegue ponendo attenzione sull’importanza dello studio degli innumerevoli messaggi che questi esseri dello spazio hanno lasciato ai più importanti contattisti, in primis Eugenio Siragusa e Giorgio Bongiovanni.

“Abbiamo a disposizione gratuitamente una marea di insegnamenti extraterrestri. Questi popoli sono gli esecutori delle sfere divine, le quali a loro volta fanno capo alla grande Intelligenza Onnicreante che noi chiamiamo Dio. Questa Intelligenza governa tutto, è onnipresente ed onniscente, perché presente in ogni atomo di idrogeno.”

“Gli esseri del cosmo hanno compreso Dio scientificamente, lo conoscono, si mettono in sintonia col grande disegno dell’Intelligenza Onnicreante.”

“Anche noi umani abbiamo uno spirito-intelligenza, anzi, noi siamo lo spirito-intelligenza. In questo momento utilizziamo un certo abitacolo biofisico avente certe forme e dimensioni, ma in altre galassie magari potremmo utilizzare un abitacolo biofisico del tutto differente. Questo perché il modo di vivere dell’intelligenza che noi siamo, altrove può avere forme diverse.”

Marco continua il discorso spiegando le ragioni principali della visita extraterrestre sul nostro pianeta, legate anche al ritorno degli esseri avatarici che troviamo in molte religioni.

“Oggi questi esseri evolutissimi si stanno manifestando in maniera più chiara per due ragioni principali: la prima ragione in assoluto è che loro stanno preparando il cambio di questa società, perché il pianeta Terra sta evolvendo verso un livello di energia superiore. Stiamo entrando nella quarta dimensione, ma i valori espressi dall’umanità non sono ancora di quarta dimensione, sono ancora valori animaleschi. Quindi loro cercano di accompagnare questo passaggio dimensionale, che vedrà il ritorno di Gesù Cristo e degli altri avatar. La seconda ragione è che questi esseri stanno tutelando una certa qualità di individui. Fu detto che se il Signore non abbreviasse quei giorni nemmeno gli eletti si salverebbero. Gli eletti sono esseri che possiedono una evoluzione di quarta dimensione, che è l’evoluzione necessaria per abitare il pianeta dopo la purificazione. Ci sono poi altre persone che seguono gli insegnamenti e le gesta degli eletti e che vengono quindi portati al loro livello evolutivo.“

Gli extraterrestri, dagli anni ’40 ad oggi, stanno ponendo molta attenzione alla degeneraione dell’utilizzo delle armi nucelari. Loro hanno detto di aver già assistito alla distruzione di un pianeta a causa dell’energia nucleare, il cosiddetto pianeta Mallona che orbitava dove ora si trova la fascia degli asteroidi. In quel caso non sono intervenuti per lasciare l’esercizio del libero arbitrio, ma stavolta loro interverrebbero per impedire la distruzione del pianeta.

“I pianeti sono vivi, al loro interno vi è uno spirito cosmico. Se questo mio corpo contiene uno spirito, figuriamoci che spirito immenso è contenuto all’interno dei pianeti. Spiriti cosmici di evoluzione immensa. Noi non possiamo permetterci di attentare al corpo di una divinità. La Terra è l’abitacolo fisico dello spirito della Dea Madre, Maria di Nazareth.”

“Inoltre il pianeta Terra è sotto le attenzioni di questi esseri superiori, in quanto rappresenta l’anima gemella del Sole. Tutti i Soli sono padri e inseminano con le loro genetiche i pianeti, che sono madri.”

Per queste ragioni all’umanità terrestre non verrà permesso di distruggere il pianeta Terra.

Prima di lasciare spazio alle numerose domande del pubblico, Marco ci tiene a precisare che non bisogna perdere di vista il messaggio che portano questi maestri cosmici, che è eterno e immortale, e passa di bocca in bocca e di epoca in epoca.

“Io che sto parlando non conto niente, è il discorso che porto ad essere importante. Non conta niente il messaggero, ciò che conta è il messaggio. Se noi siamo, nel nostro piccolo, dei messaggeri di questo discorso, ricordatevelo bene, noi non contiamo niente. Quello che conta è la Verità, la Verità del tempo di tutti i tempi che si sta appalesando dinanzi a noi, giorno dopo giorno. Cerchiamola questa Verità perché lei ci sta chiamando.”

Marco ha risposto poi ad innumerevoli domande dei presenti che erano letteralmente coinvolti e non volevano lasciare la sala.

Marco Marsili4

Riporto di seguito i passi più importanti di alcune risposte di Marco.

SULLA FUNZIONE DEL BENE E DEL MALE

“Il momento attuale è il momento della separazione del grano dalla gramigna. E’ indispensabile che esistano i due poli, il bene e il male. Ma la realtà assoluta è il bene, l’amore. All’interno di questo bene però esiste anche il male, che è relativo, ma funzionale al bene. Se il male raggiunge la perversione totale allora viene bloccato con un intervento superiore. Siamo oggi all’interno della battaglia di Armaghedon.”

SULLE APPARIZIONI DI FATIMA

“L’evento delle apparizioni di Fatima è stato un vero e proprio evento ufologico. Il Sole non può fare quelle evoluzioni lì, altrimenti succederebbe un disastro cosmico. Quello era un disco volante, ci sono centinaia di testimonianze a riguardo. Anche la prima descrizione della Santa Madre non corrisponde a quella dell’iconografia classica. I pastorelli la descrivono con un cappuccio che copriva i capelli, con un vestito intero fino sotto al ginocchio, con degli stivaletti, con un mantello di tessitura a quadri, con delle sfere luminose nelle mani. Insomma è stato uno di quegli eventi in cui esseri divini solari si manifestano accompagnati dagli extraterrestri.”

SULLE FUNZIONI DEL CORPO MACROCOSMICO

“L’Intelligenza Onnicreante è onnipresente, ma a livello fisico ci sono dei luoghi dove si manifesta con maggiore intensità. Al centro di ogni galassia c’è il cosiddetto Sole manassico che emana gli ordini genetici che strutturano poi tutta la vita della galassia. Questi input evolutivi si manifestano in primis nelle stelle, nei soli, che rappresentano le ghiandole endocrine del corpo macrocosmico. Esse producono gli ormoni che sono il fondamento dell’organismo. I pianeti invece rappresentano le cellule del corpo macrocosmico, mentre i minerali i vegetali e gli animali che abitano i pianeti sono i gruppi enzimatici. L’umanità antropomorfa è il gruppo enzimatico piramidale, che dovrebbe tutelare ed elaborare i gruppi enzimatici inferiori. Dal momento che l’umanità è divenuta un enzima cancerogeno, il corpo macrocosmico immette degli anticorpi di difesa e protezione.”

Link video della conferenza

Con amore e gratitudine,

Luigi Benedetti

14 Maggio 2023

Marco Marsili Firenze1

Seguici

Sostieni le nostre attività!

Potrebbe interessarti anche

Gli Yanomami

Gli Yanomami

Appunti di un giovane studente: Tra i popoli autoctoni più antichi e più numerosi dell’America Latina ci sono gli indios Yanomami situati tra il...