Battesimo La Paloma
Pubblicato il 30 Aprile 2023
Pubblicato il 30 Aprile 2023

DAL CIELO ALLA TERRA

HO SCRITTO IL 30 APRILE 2023:

IL BATTESIMO DEGLI INIZIATI DI GIOVANNA D’ARCO. UNA COMUNIONE D’AMORE E DI AMICIZIA TRA GIOVANI ARTISTI E UN VECCHIO MESSAGGERO DI DIO. UNA PROMESSA DI SERVIRE LA CAUSA DI CRISTO E DEI GIUSTI CON TUTTA LA VITA E L’ANIMA.

NON SIAMO SANTI E GIUSTI. SIAMO UNA COMUNITÀ DI SERVITORI DEL SOLE. SIAMO QUELLI CHE SI SONO TUFFATI NELL’OCEANO DELL’AMORE DELL’UNIVERSO E DEGLI INFINITI MONDI. ABBIAMO CERCATO DIO E LO ABBIAMO TROVATO.
LEGGETE LE PERLE DI SONIA ALEA, DI FRANCESCA LADY OSCAR E DI ALCUNI TESTIMONI. DONNE E UOMINI.
ERAVAMO LÌ NEL MARE DELL’ATLANTIDE CHE EMANAVA IL PROFUMO DELL’ELDORADO, LA CITTÀ DEGLI DEI.
ERAVAMO A CONTEMPLARE GLI OCCHI DEL NOSTRO AMORE ADONIESIS.

IN FEDE VOSTRO
G.B.

PIANETA TERRA
30 Aprile 2023

BATTESIMO LA PALOMA

Ecco il segno,
la croce nella mia fronte,
scorre le sue dita divine,
apre l’occhio,
ora vedo il Dio vivente,
ora vedo l’Amore
che tutto muove e
tutto crea.
Lui è venuto sul mio letto,
non mi ha dimenticato,
sono l’ultima battezzata.
Come nel Giordano,
di tanti anni fa,
Tu eri lì,
Amore di tutti gli amori!!

Annalisa Magnolfi

21 Aprile 2023

Foto di Daniel Rodriguez

Alcune considerazioni sul VIAGGIO IN URUGUAY APRILE 2023

E’ arrivato l’ultimo giorno, cosa è successo in me?

Venti giorni di scuola, tanti insegnamenti son passati, quanti ne ho trattenuti? Sono passate sensazioni, emozioni, deduzioni, amore, domande, risposte, consapevolezze: cosa rimarrà di tutto ciò?

La sanguinazione di Pasqua forse è stata l’emblema di questo viaggio, forse son venuta qui per vivere questa rivelazione: ho detto e fatto ciò che non ho mai detto e fatto!! Ho compreso senza alcun ragionamento, la mente era scollegata, chi parlava allora? La mia vera identità si è manifestata? Sono stati tolti i veli di maya per qualche frazione di secondo? In quel tuo sguardo ho visto tutto, ma cosa ho visto? Il cuore ha registrato, la mente ha solo osservato, nessun giudizio, nessuna lamentazione, nessun dubbio; tutto si stava svelando, la ragione si è arresa, ha sorriso, il cuore ha vinto: “io ti ho riconosciuto mio Signore; non mi abbandonare più!” o forse sono io che lo avevo abbandonato?

Lui mi ha guardato come nessun uomo lo ha fatto, mi ha mostrato le sue ferite, mi ha guarito dalla mia poca autostima: ha degnato il suo sguardo su di me!!

E poi dopo, l’amore dei fratelli che non conoscevo, l’unione con i chicos, i balli, i canti mi son sentita una di loro, madre di loro, amica di sempre. Ero ebbra di gioia, satura di pace, i colori di questo paese son subito diventati familiari, l’aria mi è sembrata pura e impalpabile. Ho pure pensato che avrei trascorso un lungo periodo qua, distante da Marta e Sofia, senza che ciò mi procurasse dolore!

E poi è arrivata l’influenza, giorni lunghi chiusa in casa, a contatto stretto con le mie sorelle, un tempo infinito passato a lavorare, a studiare, ad ascoltare Giorgio, a capire in che famiglia il Cristo mi ha fatto atterrare; ho sofferto la lontananza dai chicos e dai fratelli in generale, volevo farmi conoscere, stringere un rapporto di amicizia, niente di tutto questo è avvenuto! E poi è arrivata la caduta rovinosa, la conclusione di altre cadute avvenute in alcune donne vicino a Giorgio, proprio il giorno prima di partire per la Paloma, luogo sacro dove il Cristo si è manifestato due anni fa!! L’ho vista la spiaggia sacra, ho camminato zoppicando nelle sue acque, ho assaporato l’aria mite satura di energia benefica per lo spirito: quel giorno la luce del sole era incantevole e non sarei mai andata via da quel luogo; ma il piede rotto reclamava attenzione ed il resto del giorno e della notte è passata a fare diagnosi/cura. Il giorno dopo non sarei stata in quella spiaggia magica, insieme alla famiglia ed ai miei fratelli; ho pianto tanto non lo nascondo stesa sul quel letto in hotel, ero triste, accettavo, ma soffrivo ugualmente; ero consapevole che ero di fronte ad un periodo doloroso, dove tutti i miei progetti erano saltati, che niente sarebbe stato come lo avevo immaginato.

Giorgio arriva alle 13, stanco, ma chiede acqua e in pochi secondi lui è lì davanti a me che segna la mia fronte nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo… io seduta sul letto lo guardo con amore e mi affido nuovamente: il mio battesimo alla Paloma doveva essere così, era perfetto così!. Giorgio perché questo trauma? Risposta: purificazione per un karma precedente e protezione per la sua persona.

È iniziato dunque un nuovo periodo, una nuova Annalisa sta tornando in Italia, niente sarà come prima!

Annalisa Magnolfi

25 Aprile 2023

qui trovi l’articolo originale

Seguici

Sostieni le nostre attività!

Potrebbe interessarti anche

Gli Yanomami

Gli Yanomami

Appunti di un giovane studente: Tra i popoli autoctoni più antichi e più numerosi dell’America Latina ci sono gli indios Yanomami situati tra il...